Home > Argomenti vari > Software

Software

In quest’ area invece troverai delle utilissime indicazioni software. Siamo anche su Facebook. Nel campo di ricerca digita PC FACILE oppure vai su:

http://www.facebook.com/group.php?gid=48528027377&v=wall

Categorie:Argomenti vari Tag:
  1. 19 Agosto 2015 a 19:51 | #1

    MediaInfo fornisce indicazioni sui file multimediali presenti nel ns. pc http://mediaarea.net/it/MediaInfo

  2. 19 Agosto 2015 a 19:50 | #2

    Free Make Video converter resta cmq uno dei migliori convertitori video in circolazione http://www.freemake.com/it/free_video_converter/

  3. 19 Agosto 2015 a 19:50 | #4
  4. 19 Agosto 2015 a 19:50 | #5

    Winscp è unsoftware alternativo a filezilla . Come client ftp, funziona quando a volte filezilla non va , come ad esempio connessioni con gli smartphone
    https://winscp.net/eng/download.php

  5. 19 Agosto 2015 a 19:49 | #6

    DVD Flick dvd authoring http://www.dvdflick.net/

  6. 19 Agosto 2015 a 19:49 | #7

    Su appnimi trovi software per trovare le pw di file rar, pdf, zip etc etc http://www.appnimi.com/

  7. 19 Agosto 2015 a 19:48 | #8
  8. 19 Agosto 2015 a 19:48 | #9

    Junkware Removal tool fa piazza pulita delle barre indesiderate http://www.bleepingcomputer.com/down…/junkware-removal-tool/

  9. Windows 10 il computer legge per noi
    8 Agosto 2015 a 20:20 | #10

    Windows 10
    il computer legge
    per noi
    Utilizzando l’assistente vocale possiamo
    leggere il testo mostrato sullo schermo
    del computer. Può essere utile sia per
    le persone che hanno problemi di vista,
    sia quando non possiamo visualizzare lo
    schermo perché impegnati a fare altro.
    GodMode ci viene velocemente in aiuto
    attraverso l’assistente vocale. Facciamo
    doppio clic su Lettura testo tramite Assistente
    vocale e poi su Avvia assistente
    vocale. A questo punto il computer inizierà
    a leggere il testo selezionato sullo schermo
    col mouse. Per interrompere l’assistente
    vocale basta premere la combinazione
    Win + Invio

  10. 8 Agosto 2015 a 20:19 | #11

    Autocad gratis per studenti e docenti http://www.autodesk.com/education/free-software/autocad

  11. 8 Agosto 2015 a 20:19 | #12
  12. 8 Agosto 2015 a 20:19 | #13
  13. 8 Agosto 2015 a 20:19 | #14

    Emulatore dos http://www.dosbox.com/

  14. 8 Agosto 2015 a 20:19 | #15
  15. 8 Agosto 2015 a 20:18 | #16

    I vecchi software su http://www.myabandonware.com/

  16. Ritroviamo i files perduti
    8 Agosto 2015 a 20:18 | #17

    Ritroviamo i files perduti
    Per effettuare la ricerca dei nostri file, come
    prima cosa apriamo Esplora risorse, andiamo
    su Windows/Computer e facciamo clic sulla
    casella di ricerca che troviamo in alto a destra.
    All’interno di essa possiamo cominciare a digitare
    e specificare i nostri criteri di ricerca.
    2A questo punto inseriamo nella casella di
    ricerca a stringa ultimamodifica:.Si aprirà
    immediatamente un piccolo calendario dal
    quale potremo scegliere il giorno semplicemente
    cliccando su di esso con il tasto sinistro
    del mouse.
    3Un’altra funzione molto interessante è la
    possibilità di inserire un intervallo di date
    semplicemente scrivendo, ad esempio, ultimamodifica:
    27/06/2015 .. 28/06/2015. Tutti
    i risultati di ricerca verranno visualizzati nella
    finestra stessa.

  17. 8 Agosto 2015 a 20:18 | #18

    Windirstat mostra i file in ordine di grandezza preseni nel pc . Un programma che aiuta a fare ordine aeliminare file inutili o dimenticati http://sourceforge.net/projects/windirstat/

  18. 8 Agosto 2015 a 20:17 | #19

    Truffe legalizzate. Disattivare le segreterie degli smartphone di amici e parenti ci farebbe risparmiare un bel po’ di euro. Come ahimè molti sanno quando il telefono squilla e dopo un po’ attacca la segreteria in quel momento avete perso almeno 0,22 €. La prima cosa da fare intanto è disattivare la nostra e poi chiamare i numeri che si contattano di piu’ e chiedere loro di fare altrettanto . Di seguito le istruzioni http://www.chimerarevo.com/smartphone/disattivare-la-segreteria-telefonica-166929/

  19. 8 Agosto 2015 a 20:16 | #21
  20. 8 Agosto 2015 a 20:13 | #22

    Registrare lo schermo del computer e incorporarlo in PowerPoint 2013
    Nella scheda Inserisci fare clic su Registrazione dello schermo.https://support.office.com/it-it/article/Registrare-lo-schermo-in-PowerPoint-2013-0b4c3f65-534c-4cf1-9c59-402b6e9d79d0

  21. 8 Agosto 2015 a 20:11 | #25
  22. 8 Agosto 2015 a 20:11 | #26
  23. Sigle varie delle sorgenti dei video
    8 Agosto 2015 a 20:10 | #27

    Per capire cosa significano le decine di Sigle varie delle sorgenti dei video che si trovano in rete
    CAM

    La tipologia CAM indica che il film è stato ripreso con una telecamera nascosta direttamente all’interno del cinema. Solitamente la ripresa è mossa o non perfettamente centrata e a causa della bassa quantità di luce la lente non viene messa a fuoco correttamente. I colori sono spenti e sfocati, le immagini quasi mai nitide. La maggior parte delle volte il sonoro viene registrato anch’esso tramite il microfono della videocamera ed è quindi afflitto da riverbero. È inoltre possibile che in sottofondo si sentano conversazioni o altri suoni emessi dal pubblico in platea. I film italiani pubblicati tramite peer-to-peer nei primi mesi dall’uscita nelle sale cinematografiche sono generalmente di questa tipologia.
    TS (TeleSync)

    Il TS (abbreviazione di Telesync) è una tipologia di ripping leggermente migliore rispetto al metodo CAM. In questo caso la telecamera utilizzata per effettuare le riprese è di tipo professionale e l’inquadratura è sempre fissa e centrata grazie all’uso di un treppiede. Per ovvi motivi, i film ottenuti con questo procedimento sono una merce piuttosto inconsueta.
    TC (TeleCine)

    Il metodo TC (abbreviazione di TeleCine) consiste nell’impiego di una apposita macchina capace di riversare le pellicole 35mm, spesso presente negli studi dei cinema. Quando le bobine del film vengono distribuite, un operatore della macchina le riversa e poi le diffonde. La qualità è decisamente superiore rispetto a quella ottenuta coi metodi CAM e TS.
    DV/MiniDV

    Molto rara, questa dicitura indica che la fonte di ripresa è una videocamera che utilizza un nastro in formato DV. Solitamente si tratta di videocamere MiniDV e comunque la qualità è paragonabile a quella di un rip TS.
    R3 (Region 3)

    Questo termine sta ad indicare che il film proviene da un DVD pubblicato in Corea del Sud o comunque altre zone dell’Sud-Est asiatico. Se sul titolo vi è anche la nomenclatura “.ITALIAN”, significa che l’audio proviene da fonte italiana. La qualità video di un R3 è simile a quella dei DVDRip ma può contenere anche sottotitoli in lingue straniere o, alternativamente, sottotitoli in sovraimpressione ed in lingua italiana.
    R4 (Region 4)

    Questo termine sta ad indicare che il film proviene da un DVD pubblicato in America del Sud, America Centrale, Caraibi, Messico, Nuova Zelanda, Australia, Nuova Guinea ed Oceania. Se sul titolo vi è anche la nomenclatura “.ITALIAN”, significa che l’audio proviene da fonte italiana. La qualità video di un R4 è simile a quella dei DVDRip. Può contenere anche sottotitoli in lingue straniere o, alternativamente, sottotitoli in sovraimpressione ed in lingua italiana.
    R5 (Region 5)

    Questo tipologia sta ad indicare che il film è stato ottenuto da un DVD di provenienza russa e/o di altri paesi dell’est europeo. Se il titolo del film comprende anche la nomenclatura “LINE.ITALIAN”, con essa viene indicato che il sonoro è proveniente da fonte italiana. La qualità video di un R5 è simile a quella dei DVDRip ma come per il caso precedente può contenere sottotitoli.
    R6 (Region 6)

    Questo termine sta ad indicare che il film è stato ottenuto da un DVD di provenienza cinese. Se sul titolo del film vi è anche la nomenclatura “.ITALIAN”, significa che l’audio proviene da una fonte italiana. La qualità video di un R6 è simile a quella dei DVDRip ma può contenere sottotitoli impressi al video.
    VHSSCR (VHS Screener)

    Con questo termine viene indicata la fonte video proveniente da una videocassetta (VHS) specificatamente realizzata dalle case di produzione ad uso esclusivo della critica cinematografica. La qualità è generalmente discreta, ma spesso sono presenti delle scritte in sovraimpressione che reclamano il copyright.
    DVDSCR (DVD Screener)

    Si tratta di un DVD realizzato dalle case cinematografiche per i critici o i censori. La qualità è buona anche se, come nei VHSSCR, sono presenti scritte in sovraimpressione o scene in bianco/nero.
    DVDRip

    Si tratta di un video (spesso di tipo DivX o XviD) realizzato comprimendo il segnale da DVD originali tramite l’utilizzo di appositi software e codec specifici. La qualità del film è paragonabile a quella dei DVD, sebbene in realtà il procedimento di conversione della sorgente video riduca inevitabilmente il dettaglio o la fluidità delle immagini. È possibile trovarne delle release solo nelle settimane successive alla commercializzazione del film.
    DVDMux

    Questa sigla indica che il video proviene da un DVD, l’audio da un’altra sorgente (praticamente sempre da linea diretta).
    DVD5

    Indica che il film è in formato DVD Single Layer (4,7 GB). Solitamente vengono mantenute tutte le caratteristiche del DVD originale, come per esempio le multilingue ed i sottotitoli, oltre ai menù interattivi e contenuti speciali. Il video è codificato nel formato DVD originale MPEG-2, senza perdita di qualità.
    DVD9

    Le dimensioni del file sono quelle di un DVD Dual Layer (8,5 GB).
    BRRip

    È la sigla comparsa più di recente ed indica che il video è stato ottenuto dal Rip di una pre-release di un bluray. Può essere in diverse risoluzioni, anche HD, ma generalmente mai in formato pieno perché, salvo rare eccezioni (non ha senso rippare un 1080p sempre in 1080p), sono da 720p a scendere. La qualità del video è generalmente buona, ma essendo la lavorazione di un file già lavorato, non può raggiungere la qualità di un BDRip mentre in termini di “peso” (MB) non è differente.
    BDRip

    Al contrario del BRRip la sorgente è il BluRay e la qualità è la più alta reperibile in rete. L’audio può essere AC3 o DTS. I filmati di questa tipologia sono contenuti in file (solitamente .mkv) dalle dimensioni anche superiori alla decina di Gigabytes. In termini di qualità, il BDRip è inferiore solo al Bluray Disc (BDFull) e, in alcuni casi, addirittura superiore. Alcuni bluray (di solito titoli “datati”) vengono infatti messi sul mercato con una qualità video scadente. Quando vengono rippati, alcuni riescono a migliorarne la qualità applicando dei filtri che rimuovono o riducono i difetti presenti (es. puntinatura).
    VU – Untouched

    Il film è copiato da un disco Blu-Ray a 1080p senza nessuna ulteriore compressione audio/video, con tutti i sottotitoli e tracce audio a disposizione nel disco. È quindi impossibile notare la differenza tra un Blu-Ray Disc originale e questa tipologia di ripping, quindi la loro dimensione è quasi sempre superiore ai 20 GB.
    SBS

    Side By Side in riferimento al Video in 3D si divide ulteriormente in:

    Full SBS (ogni singola immagine è ancora in HD)
    Half SBS (la risoluzione è suddivisa tra le due immagini, ognuna metà)

    WEB-DL / DLMux

    Si tratta di un 720p o 1080p reperito da iTunes americano. La qualità è paragonabile a quella di un BRRip dato che non presenta loghi di canali TV o watermark. La sua diffusione è aumentata negli ultimi tempi e permette una alta qualità senza loghi subito dopo la trasmissione TV. Il WEB-DL essendo preso quasi sempre da iTunes americano è in lingua inglese, per cui quando viene rilasciato con audio aggiuntivi è perché viene “muxato” con audio proveniente da emittenti televisive (solitamente si tratta di audio AC3 2.0 o 5.1 a 384kbps). In questi casi il Mux è obbligatorio perché la velocità di trasmissione audio (FPS) varia da paese a paese e il lavoro di sincronia e aggiunta di flussi audio viene appunto chiamata MUX (da Muxing/Muxer).
    WEBRip

    Riscontriamo questa sigla quando i film (ma in questo caso molto più spesso le serie TV o le Webseries) vengono reperite da portali di canali televisivi (come rai.tv, la7.tv e ondemand.mtv.it) o di video sharing come YouTube. La qualità varia dall’SD (Standard Definition) al 1080p, dipendente dalle politiche che il network, nel caso di canali televisivi, o la produzione (o i ripper che hanno lavorato il video) ha scelto per la distribuzione del prodotto tramite i portali.
    HDTV/HDTS

    È possibile trovare questa sigla quando il film viene registrato da TV ad alta definizione. La qualità è paragonabile a quella proveniente da una fonte DVD fino ad arrivare quasi al Bluray (1080i o 720p), ma al contrario di questi ultimi, gli HDTV presentano i loghi del canale televisivo e watermark. Eventuali intermezzi pubblicitari sono molto rari perché vengono eliminati dai ripper, tuttavia possono apparire sporadicamente delle piccole pubblicità in sovraimpressione.
    PDTV/SATRip/DVBRip/DVB-S

    Riscontriamo queste sigle quando i film (ma in questo caso molto più spesso le serie TV) vengono registrati da canali satellitari. La qualità è buona. La sigla alternativa DVBRip (o DVB-rip o DVB-S) è spesso usata per i rip europei, in quanto il DVB è uno standard europeo (in particolare il DVB-S indica lo standard di trasmissione destinato ai decoder satellitari come quelli per SKY e TivùSat, e DVB-T quello da digitale terrestre).
    DTTRip

    In questo caso il film (ma solitamente si tratta di serie TV) viene registrato da un canale digitale terrestre. La qualità è buona e spesso sono registrati con rapporto 16:9. La registrazione da canali italiani garantisce un audio di buona qualità e senza sottotitoli o tratti in lingua originale. Talvolta è possibile trovare film o serie TV registrati da digitale terrestre sotto la dicitura PDTV o DVBRip.
    TVRip

    Metodo simile al SATRip, usando però canali analogici. La qualità non è paragonabile a quella dei canali digitali e può variare a seconda di interferenze o fattori meteorologici. In genere viene usato per le registrazioni di programmi TV o avvenimenti sportivi.
    VHSRip

    Il film proviene da una videocassetta (VHS). La qualità è variabile a seconda del codec e delle condizioni del nastro originale.
    WP (WorkPrint)

    Questa sigla deriva da WorkPrint ed identifica la copia di un film in versione non definitiva, ad esempio in fase di montaggio.
    SCREENER

    In 4:3, Dicitura inesatta introdotta negli ultimi anni, solitamente indica una qualità video VHS SCREENER.
    Formato dell’immagine
    FS (FullScreen)

    Questa sigla indica il formato del video, in particolare il Full Screen con un rapporto di 4:3.
    WS (WideScreen)

    Anche in questo caso si indica il formato del video, in particolare con Wide Screen si intende il formato panoramico con rapporto di 16:9.
    SD (Standard Definition)

    Questa sigla indica che il video ha una risoluzione non in HD. Spesso usata per indicare registrazione satellitari o da digitale terrestre di buona qualità ma con risoluzione minore della 720p.
    720p (HD)

    La dicitura 720p indica che il video ha una risoluzione di 1280×720 pixel in modalità progressiva (p). Il video risulta molto pesante, ma allo stesso tempo di ottima qualità. WideScreen (16:9).
    1080p (Full HD)

    È la risoluzione massima -esclusi i monitor 5k- che si può trovare per un file video e corrisponde a 1920×1080 pixel in modalità progressiva (p). È la stessa dimensione pixel dei televisori Full-HD. Anche questa risoluzione è WideScreen (16:9).

    DUAL

    Indica a volte la presenza di una traccia video in formato 3D. La visualizzazione deve essere effettuata tramite unità capace di leggere le tracce 3D, altrimenti risulterà scorretta o il file risulterà illegibile.

  24. 8 Agosto 2015 a 20:06 | #35

    Gestione foto digitali http://rawtherapee.com/

  25. 19 Luglio 2015 a 5:34 | #37
  26. 19 Luglio 2015 a 5:31 | #38

    System Spec mappa dettagliata dell’ hw presente nel pc
    http://www.majorgeeks.com/files/details/system_spec.html

  27. 19 Luglio 2015 a 5:30 | #39

    Ssuite word graph alternativa a Office Microsoft e Open Office
    http://www.ssuitesoft.com/wordgraph.htm

  28. 19 Luglio 2015 a 5:30 | #40

    Crea effetti audio con LabChirp http://labbed.net/software.php?id=labchirp

  29. 19 Luglio 2015 a 5:30 | #41

    Un’alternativa ad Audacity che possiamo consigliare è Wavosaur (www.wavosaur.com) un programma
    dall’eseguibile grande solo poco più di 3 MByte e che non richiede alcuna installazione. L’interfaccia è
    solo in inglese o in francese, ma il set di strumenti è completo per quanto riguarda l’elaborazione di
    base, inoltre è possibile impiegare i plug-in Vst e i driver Asio. Il software lavora con file multicanale (fino a un
    massimo di 16 tracce), fino a 64 bit in virgola mobile e con frequenza di campionamento ben oltre i 384 kHz.
    Manca un filtro per eliminare il rumore, ma è possibile impiegare il plug-in gratuito ReaFir Vst (http://reaper.
    fm/files/reaplugs.zip). Wavosaur lavora solo con i Wave ma esporta anche in Mp3.

  30. 19 Luglio 2015 a 5:25 | #42

    DivX 10 (www.divx.com) è un player/compressore che include i moduli Player, Web Player, Converter
    e Codec Pack. Come è facile intuire, Converter è dedicato alla compressione dei video (supporta
    anche il nuovo codec H.265), mentre Codec Pack è l’insieme degli algoritmi per la compressione. Il
    pacchetto è gratuito ma per elaborare i Dvd non protetti bisogna acquistare il modulo aggiuntivo Mpeg-2/
    Dvd. L’interfaccia di Converter è semplice e intuitiva, basata su preset e pensata più per i principianti che per
    gli esperti. Il software gestisce fino a un massimo di otto colonne sonore, permette di caricare altrettanti
    flussi di sottotitoli e crea file Mkv, Avi, Mp4. Purtroppo non gestisce i Blu-ray non protetti.

  31. 19 Luglio 2015 a 5:25 | #43

    Fusion sempre di Blackmagic Design (www.blackmagicdesign.com/products/fusion) può essere
    un’alternativa a DaVinci Resolve Lite. Come potete leggere nella relativa recensione, Fusion è in realtà un
    potente programma per la postproduzione video, ma dispone anche di ottimi strumenti per la regolazione
    dei colori, sebbene non completi né precisi come quelli di Resolve. In Fusion è possibile effettuare non solo la color
    correction primaria e secondaria (grazie a maschere vettoriali animate e alla selezione di aree di colore simile) ma
    anche il color grading per ottenere lo stile visivo desiderato. Impiegare Fusion sia per la correzione colore sia per
    gli effetti video (2D e 3D) significa imparare a usare un solo software invece di due, inoltre in un unico ambiente di
    lavoro si possono compiere tutte le operazioni relative a questi due tipi di elaborazione video.

  32. 19 Luglio 2015 a 5:25 | #44

    Natron (https://natron.inria.fr) è un altro software gratuito per la postproduzione video; gira con i
    sistemi operativi Windows, Os X e Linux. L’interfaccia è ordinata e piuttosto simile a quella di Fusion:
    anche in Natron il flusso di lavoro è basato sui nodi, raccolti in un diagramma con di fianco il pannello
    delle proprietà del nodo selezionato. Il motore di elaborazione funziona a 32 bit in virgola mobile e in output
    arriva fino a 4K/Ultra Hd. Gli effetti disponibili sono numerosi e includono il rotoscoping e un algoritmo per il
    motion tracking. Natron però è solo 2D (è prevista una futura release capace di lavorare in tre dimensioni).

  33. 19 Luglio 2015 a 5:24 | #45

    Lightworks 12.0.2 di EditShare (www.lwks.com) è la versione gratuita di Lightworks Pro;
    rispetto al fratello maggiore non supporta le schede video di acquisizione professionali né il 3D.
    Più grave è la limitazione della risoluzione in output, che al massimo arriva a 1.280 x 720 pixel.
    Lightworks impiega un’interfaccia costituita da diverse palette flottanti molto nidificate, che possono
    confondere il neofita. Il set di strumenti, di filtri e di effetti è completo, ma la curva di apprendimento di
    questo software è forse anche più ripida di quella di DaVinci Resolve Lite. Per usare Lightworks è quindi
    necessario mettere in conto uno sforzo iniziale considerevole.

  34. Desktop publishing
    19 Luglio 2015 a 5:24 | #46

    I software di desktop publishing sul mercato non sono moltissimi, e ancor meno sono quelli
    disponibili gratuitamente. Un prodotto interessante è PagePlus di Serif (www.serif.com) , che ha
    recentemente raggiunto la versione X8. Serif ne offre anche un’edizione gratuita, chiamata Starter,
    che è però molto più limitata rispetto a quelle commerciali. Se il documento da creare non è troppo
    complesso, l’alternativa è usare un editor di testo, come Microsoft Word o LibreOffice Writer: i migliori
    software di questo tipo integrano ormai da tempo strumenti avanzati per il posizionamento delle
    immagini, la manipolazione dei font e la formattazione del testo.

  35. 19 Luglio 2015 a 5:23 | #47

    LightZone (www.lightzoneproject.
    org ) è una valida
    alternativa a RawTherapee,
    sebbene abbia un’interfaccia in inglese.
    I punti di forza di questo programma
    sono l’ampia libreria di preset
    cromatici, per dare alla foto look
    originali e interessanti, e una serie
    di filtri di base, applicabili nell’ordine
    preferito e regolabili come trasparenza
    e metodo di sovrapposizione,
    proprio come fossero livelli separati.
    Il software non lavora con la precisione
    di RawTherapee, ma produce
    comunque ottimi risultati.

  36. Diagrammi aziendali con Draw di Open Office
    19 Luglio 2015 a 5:23 | #48

    Chi cerca un applicativo con cui creare soprattutto diagrammi aziendali e semplici composizioni grafiche
    vettoriali troverà in OpenOffice Draw una valida alternativa a Inkscape, invece più orientato ai grafici e
    agli artisti digitali. Questo software (www.openoffice.org/it/informazioni/prodotto/draw) fa parte di
    OpenOffice.org

  37. 19 Luglio 2015 a 5:22 | #49

    Handbrake Compressione video https://handbrake.fr/

  38. 19 Luglio 2015 a 5:22 | #50

    Da Vinci Resolve Lite Correzione colore video http://www.blackmagicdesign.com/products/davinciresolve

Pagine dei commenti
1 2 3 ... 37 7
  1. Nessun trackback ancora...
E' necessario che tu sia collegato per poter inserire un commento.